Consapevolezza: facciamo chiarezza.

tiziano terzaniConsapevolezza … una parola sempre più usata e abusata in promesse di risvegli di coscienza da varie tecniche, teorie, trovate più o meno commerciali che occupano uno spazio di richiesta. Ma cos’è che si cerca sempre di più? Cosa s’intende realmente per Consapevolezza?
Qual è il significato profondo di questo termine; quand’è che una persona si realizza, compie se stessa?
Presa di coscienza, realizzazione, illuminazione; chiamatela pure come volete, non formalizzatevi ma a me piace la parola “trasformazione”.
Ovviamente esistono vari gradi di coscienza, di Consapevolezza ma senza infilarci in esperienze personali, teorie e inutili lungaggini, proverò a raccontare un esempio concreto. L’esempio che a mio avviso è più calzante per comprendere cosa accade quando un uomo realizza il suo Risveglio, non è lontano nel tempo, non appartiene a un’altra epoca o una diversa cultura, riguarda la vita di un italiano, un nostro contemporaneo.
Ma prima vorrei aggiungere una piccola riflessione: cos’è la Consapevolezza se non la trasformazione del veleno in miele? Ma nessuna realizzazione può prescindere dall’annientamento di ciò che si è stati fino a quel preciso momento.
Tiziano Terzani è uno sfolgorante esempio di piena e autentica Consapevolezza. La coscienza del dissolversi del proprio corpo è un dono preziosissimo che nessuno può farti perché appartiene a ogni essere senziente. Tiziano descrive la sua “fine” con un meraviglioso stupore che solo chi ha trovato il suo Osservatore interno può percepire; in una parola: Consapevolezza. In una delle sue ultime video interviste (bellissima!), guardando il cielo e le montagne del suo “piccolo Tibet”, Orsigna, dice di sentire il suo corpo che si dissolve nell’universo, descrive il suo sentire la meraviglia e la perfezione dell’Esistenza nel dissolvimento fisico perfino nella sofferenza di una malattia incurabile: “peccato che non potrò scriverne!”

Tiziano Terzani ha dimostrato con la sua vita (e la sua morte) che perfino la dolorosa esperienza di un tumore incurabile si trasforma in una meravigliosa esperienza del proprio esistere, agli occhi della Consapevolezza. La coscienza risvegliata dell’Osservatore trasforma il veleno in miele; il dolore in estasi e la fine, in un nuovo inizio. Se non è un miracolo questo! Ma non è un miracolo esclusivo, come ho già detto è alla portata di ogni essere senziente. L’evoluzione non termina con l’esperienza fisica. Dunque cos’è la Consapevolezza se non un dono preziosissimo? Un dono che Tiziano ha fatto a se stesso ma anche a tutti noi. Il miracolo della trasformazione: la sua “fine” in questa dimensione diventa un esempio di concreta e reale Consapevolezza. Nello Zen si dice: saper cogliere l’infinito in un fiore selvatico.
Credo sia proprio l’equivalente dello scorgere di un nuovo inizio nella fine.
Un altro passaggio: “La fine è il mio inizio”
La prossima volta che qualcuno vi parla di Consapevolezza,
proponendo la sua ricetta, pensate a questo straordinario esempio contemporaneo; non occorre trovare santi o illuminati del passato, l’Uomo cammina sempre tra gli uomini.

Chi era Tiziano Terzani?
La sua esperienza terrena inizia a Firenze il 14 settembre del 1938,
e grazie alle sue straordinarie doti è diventato un grande giornalista e un ottimo scrittore. Per trent’anni Tiziano Terzani, testimone scomodo dei più grandi e gravi avvenimenti della storia contemporanea, è stato un giornalista tedesco. Nel nostro paese, nonostante le sue conoscenze linguistiche e le sue straordinarie capacità professionali, nessuno gli diede mai un lavoro, bussò
a tutti i giornali e a ogni colloquio tutti gli dicevano: “bravo Terzani, complimenti!” ma nessuno gli propose mai un contratto.
Tiziano visse i tempi eroici del giornalismo, prima che la professione si trasformasse in una sorta di spettacolo mediatico.
Come lui stesso affermava, attraverso piccole storie raccontava i grandi avvenimenti del mondo. Ha lasciato il corpo a Orsigna, il suo “piccolo Tibet” il 28 luglio del 2004.

Vi consiglio questi due stupendi video:

Tags: , ,

Leave a Comment